Author: Rosaria Birreria Mediterranea

Vini per il pranzo di Natale: I 5 migliori da abbinare

A Natale molte famiglie si riuniscono a pranzo preparando le migliori pietanze della tradizione italiana: a tanto buon cibo, andrà abbinato il miglior vino.

Dall’Alpi alla Sicilia, come recita il nostro Inno, i vini per il pranzo di Natale sono la migliore espressione della cultura enogastronomica italiana, rivelando per ogni regione e per ogni tipo di territorio il giusto abbinamento ai piatti tradizionali o moderni, siano essi di “mare” o di “terra”, fino anche al dessert. Ecco dei consigli di vini per tutti i gusti:

  1. L’aperitivo – “Bollicine”

Il Natale è una ricorrenza in cui tutte le famiglie si riuniscono a tavola per brindare alla pace ed all’armonia, rito che inaugura l’intero pranzo fin da prima dell’antipasto. Per questo i vini per l’aperitivo del pranzo di Natale devono avere le bollicine e possiamo offrire tra i migliori spumanti prodotti nella nostra penisola: tra questi un Adelphòs IGP Vivo, frizzante naturale morbido, tipico vino non impegnativo e per questo ottimo anche come aperitivo.

  1. L’antipasto – “Semplicità”

I piatti dell’antipasto del pranzo di Natale sono generalmente assaggi di sapori delicati, che vanno dai crostacei ai formaggi poco stagionati, per questo va stimolato l’appetito con delicatezza, evitando vini strutturati adatti ai piatti più pesanti. Un vino esemplare per l’antipasto è il bianco

Passerina Terre di Chieti IGP, ideale con carpacci e crudi di pesce, ottimo con formaggi freschi o a pasta filata.

  1. Il primo – “Primitivo”

Mentre il pesce viene dedicato al cenone della Vigilia di Natale, per il quale si può prendere ancora in considerazione il vino bianco citato prima, per il pranzo tradizionalmente si preparano primi a base di carne, per cui si possono abbinare vini speziati e aromatici di media gradazione alcolica come ad esempio il 12 e mezzo Primitivo del Salento IGP.

  1. Il secondo – “profumo”

Continuando nel solco dei secondi di carne, dove sono previsti piatti ricchi di sapori e profumi, come gli arrosti di selvaggina o i formaggi stagionati, l’ideale sarebbe abbinare vini corposi e strutturati che reggano il senso del gusto come il Primitivo “Cubardi” Salento IGT, vino rosso caldo e morbido che avvolge il palato.

  1. Il dessert – “conclusione”

Arrivati alla fine del pranzo di Natale, si tirano fuori panettoni e i pandori, oltre ai stupendi dolci tradizionali di ogni regione italiana, ai quali ancora una volta si può abbinare uno spumante o per palati più esigenti anche un vino liquoroso. Un buon compromesso per allietare la fine del pasto può essere un vino da meditazione come il passito Òtre Teanum abbinabile a frutta e pasticceria secca grazie ai suoi aromi di miele d’acacia, albicocche secche e confettura di agrumi.

Rosaria Birreria Mediterranea consiglia questi vini seguendo il principio del buon bere, poco ma di qualità, per vivere un pranzo di Natale in compagnia di parenti e amici come un momento di piacere ed allegria, uguale al nostro spirito con cui serviamo i nostri clienti tutti i giorni.

5 buoni motivi per bere una birra con gli amici dopo il lavoro

5 buoni motivi per bere una birra

Recarsi alla birreria vicino casa la sera, per andare a bere una birra con gli amici, può essere una sana conclusione di una tipica giornata lavorativa di un uomo o una donna che inizia la mattina presto e trascorrendo le seguenti ore a immagazzinare stress e fatica fisica o mentale.

  1. L’aspetto “social

In una epoca in cui siamo attratti dalla dipendenza dai social network, aspettando che una interazione con un essere umano avvenga tramite una notifica, andare al pub ad incontrare degli amici in carne ed ossa con cui condividere il piacere di stare insieme, migliora il proprio umore e a combatte l’ansia e la depressione e aiuta anche a superare la timidezza. Nelle birrerie infatti, si crea quella tipica atmosfera in cui in realtà non importa che si abbia realmente qualcosa da dire, perché ciò che unisce è la birra e una discussione sana può partire già dalla domanda: “che birra beviamo?”.

Un’ora di dibattito assicurato.

  1. L’aspetto “fisico

Che tu possa aver trascorso 8 (o più) ore in ufficio o in un cantiere, alla fine della giornata, stazionare all’ingresso del pub con una birra in mano è la scusa ideale per prendersi una bella boccata di aria fresca, con una passeggiata fino al pub vicino casa che stimola la circolazione sanguigna e l’esercizio fisico. Non sono da trascurare le proprietà disinibitorie della birra, che migliora la capacità di empatizzare col prossimo, aumentando le possibilità di creare amicizie con cui scambiare risate e si sa, ridere fa bene al cuore.

  1. L’aspetto “culturale

Come dicevamo, la birra può essere un elemento di partenza per migliaia di discussioni diverse, dalla natura alla base della coltivazione dei luppoli e dei cereali, alla geografia delle migliori nazioni produttrici di birra, la scienza che permette la fermentazione dei lieviti e la formazione tipica della schiuma in cima al boccale, grazie alla quale puoi osservare il barman che, mentre è impegnato a spillare con la giusta inclinazione del bicchiere, serve perplesso tutti i clienti che gli chiedono di non volere la schiuma.

  1. L’aspetto “digestivo

La birra contiene molte vitamine (vitamina B1, B2, B5, B6 e H) oltre che fosforo, potassio, magnesio, zolfo, fluoro, sodio, rame, manganese, zinco, alluminio e ferro. La fibra proveniente dal luppolo garantisce un miglioramento della digestione, le vitamine e i sali minerali sono ottimi integratori nell’alimentazione, la birra risulta un ottimo alimento se assunta in moderate quantità.

  1. L’aspetto “soporifero

Molte persone hanno problemi di insonnia, può essere utile combatterla avendo una routine che aiuti a conciliare il sonno, come bere una birra nell’atmosfera rilassante di un pub e scambiando quattro chiacchiere con gli amici. La birra infatti ha delle proprietà che generano torpore, dovute all’alcool che ha effetti sedativi e al luppolo che possiede blandi effetti soporiferi.

Nata dalla passione di Rosaria ed Enzo per la condivisione, l’amicizia e l’allegria, Rosaria Birreria Mediterranea è il luogo adatto per chi intende concedersi momenti di piacere per le cose fatte con amore.

Non solo una birreria a Taranto, ma un piccolo ritrovo, per chi vuole staccare la spina dalla quotidianità e rilassarsi in compagnia di parenti, amici e del buon bere.

518 Visitatori

Pidaza: due mondi che si incontrano

Non è una piadina ma nemmeno una pizza: scopriamo allora cos’è la Pidaza, una sfiziosità nata in Romagna, pronta per conquistare il mondo.

Quando si pensa alla Romagna, è inevitabile associare il mare, il divertimento e… la piadina! Forse però non tutti sanno che esiste anche una rivisitazione ancora più leggera della piadina, chiamata Pidaza, che in dialetto romagnolo significa “Piadaccia”.

Continua a leggere